Edifici che richiedono la realizzazione di ESOS

Novembre 2023 segna sviluppi significativi nella Fase 3 dell’Energy Savings Opportunity Scheme (ESOS), portando in primo piano aggiornamenti vitali sulla conformità.

Questo articolo evidenzia la rendicontazione ora obbligatoria per gli utenti ISO 50001, il controllo intensificato sulle opportunità di risparmio energetico e l’imperativo di piani attuabili con aggiornamenti annuali. Queste modifiche sono cruciali per portare avanti gli obiettivi del sistema in termini di sostenibilità ed efficienza.

 

Reporting obbligatorio per gli utenti ISO 50001

Con un cambiamento significativo, la Fase 3 di ESOS impone un reporting completo a tutti i partecipanti, compresi quelli certificati secondo il sistema di gestione dell’energia ISO 50001. Ciò segna un cambiamento politico significativo, poiché in precedenza gli utenti della norma ISO 50001 godevano di alcune esenzioni dai requisiti di reporting standard di ESOS. Ora, queste organizzazioni devono presentare un rapporto dettagliato che includa i dati sui risparmi energetici ottenuti dall'ultimo periodo di conformità. Questo cambiamento è progettato per garantire l'uniformità tra tutti i partecipanti, rafforzando l'impegno del sistema per il miglioramento continuo dell'efficienza energetica. Il rapporto deve fornire un resoconto chiaro e quantificabile delle iniziative di risparmio energetico, evidenziando i passi pratici compiuti verso una gestione energetica sostenibile.

 

Analisi dettagliata delle opportunità di risparmio energetico

Le nuove normative richiedono ai partecipanti di condurre un'analisi approfondita delle potenziali opportunità di risparmio energetico. Ciò comporta una valutazione meticolosa delle varie misure di risparmio energetico, compresa una valutazione dei relativi costi e benefici. Le organizzazioni devono inoltre sviluppare un piano di implementazione strutturato, delineando una strategia chiara e attuabile per realizzare queste opportunità. Questo requisito va oltre la semplice conformità; funge da strumento strategico per le organizzazioni per identificare e sfruttare misure di risparmio energetico economicamente vantaggiose, contribuendo così ai loro obiettivi di sostenibilità a lungo termine. Si prevede che l’analisi dettagliata fornisca una tabella di marcia per miglioramenti pratici dell’efficienza energetica e risparmi finanziari.

 

Piani d'azione e aggiornamenti regolari

Dopo la conformità, i partecipanti ESOS sono ora obbligati a creare e presentare un piano d’azione all’amministratore del sistema. Questo piano dovrebbe dettagliare le misure di efficienza energetica che l’organizzazione si impegna a implementare. Fondamentalmente, questo piano non è un requisito una tantum; richiede revisioni annuali dei progressi. Queste revisioni fungono da meccanismo per garantire che le organizzazioni siano attivamente coinvolte e responsabili dei propri impegni in materia di efficienza energetica. Il piano d’azione dovrebbe essere dinamico e riflettere eventuali cambiamenti o progressi nelle tecniche e nelle tecnologie di risparmio energetico. Questo processo di revisione continua sottolinea l'attenzione del sistema al miglioramento continuo e all'adattamento alle tendenze emergenti di efficienza energetica.

 

Ulteriori aggiornamenti chiave nella fase 3 di ESOS

Il recente strumento statutario (SI) che attua le modifiche per la Fase 3 di ESOS include anche diverse altre disposizioni significative:

  • Requisiti di audit e standardizzazione: Gli audit devono coprire almeno 95% del consumo energetico totale (in precedenza 90%). È necessario un calcolo più dettagliato del consumo energetico, compresi gli indici di intensità energetica.
  • Miglioramento della qualità dell’audit ESOS: Sono state introdotte specifiche sull'identificazione delle opportunità di risparmio energetico, compresi i relativi costi, benefici e programmi di attuazione.
  • Divulgazione pubblica e reporting aggiuntivo: I partecipanti devono divulgare pubblicamente alcune raccomandazioni di alto livello e informazioni aggiuntive per supportare il monitoraggio e l’applicazione della conformità. Ciò include nuovi requisiti per i piani d’azione e aggiornamenti annuali sui progressi delle misure di efficienza energetica.
  • Proroga del termine di conformità: Il termine per la conformità alla fase 3 dell'ESOS, comprese le date per la maggior parte dei dati di supporto, è stato prorogato.
  • Esenzione e nuovi requisiti per alcuni partecipanti: È prevista un'esenzione dalla nomina di un valutatore capo per i partecipanti con un consumo di energia inferiore a 40.000 kWh, con un nuovo obbligo per due amministratori di firmare la notifica di conformità.
  • Modifiche alle responsabilità aziendali del gruppo: Responsabilità specifiche per i piani d'azione e gli aggiornamenti sui progressi in caso di cambiamenti all'interno di un gruppo aziendale.
  • Requisiti specifici per i preventivi: Introdotti nuovi requisiti per i casi in cui si effettuano stime previste dalla normativa.
  • Applicabilità ai beni fiduciari: Le modifiche legislative sono state estese per applicarsi ai beni fiduciari rilevanti.

 

Come possiamo aiutare

McGrady Clarke rimane in prima linea, offrendo guida e supporto alle organizzazioni che stanno passando a questo quadro ESOS potenziato. La nostra esperienza può aiutarvi a sviluppare report e piani d’azione ESOS completi, garantendo che la vostra organizzazione non solo soddisfi le nuove normative ma anche prosperi sotto di esse.

Questi aggiornamenti rappresentano un passo avanti significativo verso il miglioramento dell’efficienza energetica e della sostenibilità nel Regno Unito. Integrando gli utenti ISO 50001 con i requisiti ESOS più ampi, lo schema riafferma il suo obiettivo fondamentale: promuovere risparmi energetici significativi e un futuro più sostenibile.

Contatta i nostri esperti oggi per scoprire come possiamo supportare la tua organizzazione nel conformarsi alle normative ESOS ma anche nel prosperare nell'ambito del proprio mandato.

Consigliamo sempre alle organizzazioni qualificate di monitorare attentamente il sito web del governo per eventuali aggiornamenti.

 

McGrady Clarke è stata informata per la prima volta di questa modifica della scadenza tramite una newsletter dell'Agenzia per l'ambiente diffusa il 29 novembre 2023 e non si assume alcuna responsabilità per eventuali inesattezze contenute in questa dichiarazione.