Pila di indumenti che costituisce il prodotto finale all'interno di una LCA nel settore della vendita al dettaglio.

Nel 2024, il settore della vendita al dettaglio emergerà come attore chiave nel viaggio verso la sostenibilità.

Con la sua vasta portata e influenza sulle abitudini dei consumatori, sulle catene di fornitura e sulle tendenze economiche, il settore è in una posizione unica per promuovere cambiamenti ambientali e sociali significativi.

La grande impronta ambientale del settore della vendita al dettaglio lo pone in prima linea negli sforzi di responsabilità aziendale volti a mitigare il cambiamento climatico e promuovere lo sviluppo sostenibile.

 

Lo stato della sostenibilità nel settore del commercio al dettaglio nel 2024

L’influenza degli obiettivi di sostenibilità globale, in particolare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e l’Accordo di Parigi, è stata una forza trainante dietro le iniziative di sostenibilità del settore della vendita al dettaglio. Questi impegni internazionali hanno spinto i rivenditori a riconsiderare il proprio impatto ambientale, il consumo di energia e le responsabilità sociali. Gli sforzi del settore per allinearsi a questi obiettivi sono evidenti nella crescente adozione di pratiche sostenibili, dalla riduzione delle emissioni di carbonio alla garanzia di pratiche di lavoro eque all’interno delle catene di fornitura.

L’attuale panorama della sostenibilità nel settore della vendita al dettaglio è caratterizzato da un’interazione dinamica tra innovazione, domanda dei consumatori e pressioni normative. I rivenditori stanno implementando una serie di strategie per migliorare i loro profili di sostenibilità, come imballaggi e approvvigionamenti sostenibili, efficienza energetica e modelli di economia circolare.

Nonostante questi progressi, il settore deve affrontare sfide per realizzare pienamente le proprie ambizioni di sostenibilità. La complessità della necessità di bilanciare i costi con gli sforzi di sostenibilità pone ostacoli significativi. Sebbene siano stati compiuti progressi, sono necessari innovazione continua, collaborazione e impegno per integrare ulteriormente le pratiche sostenibili al centro delle operazioni di vendita al dettaglio.

 

Principali tendenze di sostenibilità nel settore della vendita al dettaglio

Enfasi sui materiali sostenibili

I consumatori vengono spesso influenzati dalla modifica delle dimensioni dell’area espositiva dedicata ai prodotti sostenibili. Pertanto, i consumatori si impegneranno in scelte sostenibili senza pensarci deliberatamente.¹

Questa mossa riflette un più ampio spostamento del settore verso la riduzione dell’impatto ambientale e il soddisfacimento della domanda dei consumatori per alternative più ecologiche. L’adozione di materiali sostenibili aiuta a minimizzare gli sprechi e a ridurre l’impatto ambientale, oltre a posizionare i marchi di vendita al dettaglio come leader nella sostenibilità. Questa tendenza sta promuovendo l’innovazione nello sviluppo dei prodotti e nell’imballaggio, portando all’emergere di materiali biodegradabili, riciclati e provenienti da fonti sostenibili.

Impronta di carbonio delle catene di fornitura al dettaglio

A causa delle lunghe catene di approvvigionamento e dei metodi di produzione ad alta intensità energetica, le industrie dell’abbigliamento e delle calzature generano 8-10% di emissioni globali di carbonio, superando le emissioni delle industrie aeronautiche e marittime messe insieme.²

Questa cifra significativa evidenzia l’importante ruolo delle operazioni di vendita al dettaglio nel contribuire alle emissioni globali di carbonio. Affrontare l’impronta di carbonio delle catene di fornitura al dettaglio implica misure globali, tra cui l’ottimizzazione della logistica, il miglioramento dell’efficienza energetica e la collaborazione con i fornitori per pratiche sostenibili. Questa tendenza sta spingendo il settore verso una gestione della catena di fornitura più trasparente e responsabile, sottolineando la necessità di iniziative e reporting per la riduzione delle emissioni di carbonio.

Aspettative dei consumatori e fedeltà alla marca

77% dei consumatori sarebbe più propenso ad acquistare i prodotti e i servizi di un'azienda se l'azienda si impegnasse su questioni sociali, economiche e ambientali.³

Questo forte sentimento dei consumatori riflette una crescente consapevolezza e preoccupazione per le questioni ambientali, modellando i comportamenti di acquisto e la fedeltà al marchio. La tendenza evidenzia l’importanza di pratiche sostenibili nel mantenere e migliorare le relazioni con i clienti. I rivenditori stanno rispondendo migliorando le proprie credenziali di sostenibilità e comunicando i propri sforzi in modo più efficace ai consumatori.

 

Le sfide alla sostenibilità nel settore della vendita al dettaglio

Una delle sfide più urgenti per i rivenditori è bilanciare le implicazioni in termini di costi derivanti dall’adozione di pratiche sostenibili con il mantenimento della competitività economica. Iniziative come l’integrazione di materiali sostenibili o la garanzia di pratiche di lavoro etiche nella catena di fornitura spesso comportano costi più elevati, che possono incidere sui prezzi e sui margini di profitto. I rivenditori devono trovare un equilibrio tra investire nella sostenibilità e garantire che i prodotti rimangano convenienti e competitivi sul mercato. Questa sfida è aggravata dalla necessità di innovare continuamente e rispondere alle pressioni della concorrenza, portando avanti al contempo gli obiettivi di sostenibilità.

Una parte significativa delle emissioni di gas serra associate al settore della vendita al dettaglio proviene dalla sua catena di fornitura. La natura globale di queste catene di fornitura rende difficile monitorare e applicare gli standard di sostenibilità in modo coerente a tutti i fornitori e partner. Raggiungere la trasparenza e la sostenibilità nelle catene di fornitura richiede sforzi sostanziali, collaborazione e investimenti in tecnologia e risorse. I rivenditori al dettaglio hanno il compito di garantire che il loro impegno per la sostenibilità sia mantenuto lungo l’intera catena di fornitura, dall’approvvigionamento delle materie prime alla consegna dei prodotti.

La crescente domanda da parte dei consumatori di prodotti sostenibili indica che la sostenibilità sta diventando un fattore importante nelle decisioni di acquisto. Tuttavia, allineare le aspettative dei consumatori con offerte sostenibili rappresenta una sfida, soprattutto quando i consumatori cercano anche comodità, qualità e prezzi competitivi. I rivenditori hanno il compito di educare i consumatori sul valore dei prodotti e delle pratiche sostenibili, che a volte possono avere un valore aggiunto. Inoltre, incoraggiare comportamenti di consumo sostenibili, come la riduzione dei rifiuti e il riciclaggio, richiede approcci innovativi per influenzare i cambiamenti a lungo termine.

Orientarsi nel panorama normativo in evoluzione relativo alla governance ambientale e sociale può essere complesso. I rivenditori devono rispettare una serie di normative nei diversi mercati, il tutto mentre gli standard e le aspettative per il reporting e le prestazioni di sostenibilità continuano a cambiare. Garantire la conformità a queste normative, cercando al tempo stesso di soddisfare o superare gli standard di settore in materia di sostenibilità, richiede risorse e competenze significative. La mancanza di standardizzazione nei parametri di sostenibilità e nel reporting complica ulteriormente questa sfida, rendendo difficile per i rivenditori confrontare e comunicare in modo efficace le proprie prestazioni di sostenibilità.

 

Opportunità e strategie per la sostenibilità nel commercio al dettaglio

Adottando approcci strategici, i rivenditori possono affrontare le complessità della sostenibilità e sfruttare la propria influenza per ottenere un impatto positivo.

Accelerare l’adozione di materiali ecologici

Strategia: Implementare l'uso di materiali sostenibili in tutte le gamme di prodotti e negli imballaggi. Un numero considerevole di attività commerciali al dettaglio attribuisce importanza alla sostenibilità adottando questi materiali, che potrebbero essere ulteriormente sviluppati.

Opportunità: L’adozione di questa strategia riduce l’impronta di carbonio dei prodotti e degli imballaggi, oltre a soddisfare la crescente domanda da parte dei consumatori di scelte sostenibili. Questo approccio fornisce un vantaggio competitivo sul mercato e aumenta la fedeltà alla marca tra i consumatori consapevoli delle questioni ambientali.

Migliorare la sostenibilità della catena di fornitura

Strategia: Introdurre misure di sostenibilità approfondite all’interno della catena di fornitura, che vanno dall’approvvigionamento sostenibile alla riduzione delle emissioni di gas serra. Considerando che un numero significativo di emissioni provengono dalla filiera del commercio al dettaglio, vi è una pressante esigenza di miglioramento.

Opportunità: Migliorare la sostenibilità nella catena di fornitura migliora l’efficienza operativa e la robustezza. Riduce inoltre i rischi legati alle normative ambientali e potenziali danni alla reputazione. Lavorare insieme ai fornitori per migliorare i loro sforzi verso la sostenibilità può amplificarne gli effetti e incoraggiare il cambiamento in tutto il settore.

Sfruttare le innovazioni digitali

Strategia: Impiegare le tecnologie digitali per perfezionare le operazioni e connettersi con i consumatori. I progressi nel marketing digitale e nelle piattaforme di vendita al dettaglio online possono aumentare l’efficienza e supportare abitudini di consumo sostenibili.

Opportunità: Le tecnologie digitali offrono ai rivenditori i mezzi per ridurre al minimo gli sprechi, aumentare l’efficienza energetica e migliorare l’interazione con i clienti attraverso sforzi di sostenibilità su misura. Forniscono inoltre una piattaforma per informare i consumatori sulla sostenibilità e sulle conseguenze delle loro scelte di acquisto.

Costruire la fiducia dei consumatori attraverso la trasparenza

Strategia: Aumentare l’apertura sulle pratiche di sostenibilità, sull’origine dei prodotti e sul loro impatto. Con l’aumento della consapevolezza dei consumatori e della domanda di beni sostenibili, una comunicazione chiara può influenzare notevolmente le scelte di acquisto.

Opportunità: Essere trasparenti migliora la fiducia e la lealtà dei clienti, soprattutto di quelli che danno valore alla sostenibilità. Questo approccio può distinguere un marchio in un mercato competitivo e attrarre un numero crescente di consumatori attenti all’ambiente.

Impegnarsi nella promozione delle politiche e nelle iniziative di collaborazione

Strategia: Impegnarsi nella creazione di politiche e partenariati industriali per promuovere standard e procedure di sostenibilità. I rivenditori possono avere un’influenza cruciale nella formulazione di politiche che sostengano gli obiettivi di sostenibilità e nella creazione di piattaforme collaborative per lo scambio di migliori pratiche.

Opportunità: La partecipazione alla promozione e alla collaborazione politica consente ai rivenditori di contribuire alla creazione di un quadro normativo favorevole a metodi di business sostenibili. Incoraggia inoltre la condivisione di conoscenze e azioni collettive che possono amplificare gli effetti delle misure di sostenibilità in tutto il settore.

 

Perché le organizzazioni di vendita al dettaglio scelgono McGrady Clarke?

Le organizzazioni di vendita al dettaglio scelgono McGrady Clarke per le nostre competenze specialistiche nella riduzione dei costi energetici, nel rispetto delle normative ambientali e nel progresso degli sforzi di sostenibilità. Forniamo strategie di approvvigionamento energetico su misura e valutazioni di efficienza volte a ridurre le spese operative e migliorare le operazioni aziendali complessive, insieme a servizi di gestione del carbonio che aiutano le aziende al dettaglio a ridurre le emissioni di carbonio e ad aderire ai requisiti legali.

Le nostre soluzioni sono progettate per rispondere alle sfide uniche affrontate dal settore della vendita al dettaglio, offrendo vantaggi economici e incoraggiando pratiche sostenibili. Ciò posiziona McGrady Clarke come partner preferito per le organizzazioni di vendita al dettaglio che cercano di migliorare i propri risultati finanziari e dedicarsi alla sostenibilità.

 

Riferimenti

¹ Balan, C. (2021). In che modo il commercio al dettaglio coinvolge i consumatori nel consumo sostenibile? Una revisione sistematica della letteratura. Sostenibilità, 13(1), 96. https://doi.org/10.3390/su13010096. Concesso in licenza con CC BY 4.0.

² Leal Filho W, Perry P, Heim H, Dinis MAP, Moda H, Ebhuoma E e Paço A (2022). Una panoramica del contributo del settore tessile al cambiamento climatico. Frontiere nelle scienze ambientali, 10:973102. https://doi.org/10.3389/fenvs.2022.973102. Concesso in licenza con CC BY.

³  Strielkowski, W., Tarkhanova, E., Baburina, N., & Streimikis, J. (2021). Responsabilità sociale delle imprese e sviluppo delle energie rinnovabili nei paesi baltici. Sostenibilità, 13(17), 9860. https://doi.org/10.3390/su13179860. Concesso in licenza con CC BY 4.0.